SOURCE: The Medicines Company

The Medicines Company

November 14, 2011 21:28 ET

Ricercatori tedeschi riaffermano l'utilità di Angiomax®/Angiox® (Bivalirudin) in pazienti sottoposti a PCI ad alto rischio

Presentati e pubblicati gli inediti risultati ISAR-REACT-4

ORLANDO, FL--(Marketwire - Nov 14, 2011) - Il gruppo ISAR, che riunisce i migliori ricercatori di cardiologia al mondo e che ha sede a Monaco di Baviera, Germania, oggi ha presentato e pubblicato contemporaneamente i risultati inediti dello studio clinico ISAR-REACT-4 condotto in modo randomizzato, in doppio cieco, con controllo attivo e multicentrico su 1721 pazienti con evidenza di infarto (attacco cardiaco) in evoluzione e sottoposti a interventi coronarici percutanei (PCI). La Medicines Company ha annunciato che i risultati inediti sono stati presentati oggi nelle Session dell’American Heart Association Scientific 2011 e pubblicati nel New England Journal of Medicine.

Lo scopo dello studio era di determinare se la combinazione di eparina non frazionata e Abciximab (ReoPro(R)) fosse più efficace del Bivalirudin (Angiox(R) in Europa, Angiomax(R) negli Stati Uniti) nella prevenzione delle complicanze trombotiche ed emorragiche in pazienti affetti da attacco cardiaco noto come infarto miocardico senza sopraslivellamento del tratto ST (NSTEMI) e sottoposti a PCI.

Il ricercatore capo Adnan Kastrati, MD del Deutsches Herzzentrum Muenchen, ha presentato i risultati di ISAR-REACT-4, che ha individuato quanti pazienti in ciascun gruppo, entro 30 giorni dall'inizio del trattamento, sono deceduti, hanno avuto un altro importante attacco cardiaco, hanno avuto bisogno di un'altra procedura per sbloccare l'arteria stessa o hanno sofferto di un’emorragia primaria.

Lo studio ha scoperto:

  • 95 pazienti (11 per cento) trattati con Bivalirudin hanno sperimentato almeno uno di questi inconvenienti contro i 94 (10,9 per cento) trattati con Abciximab ed eparina.
  • 22 pazienti (2,6 per cento) trattati con Bivalirudin hanno sperimentato un’emorragia primaria contro i 40 pazienti (4,7 per cento) trattati con Abciximab ed eparina.

Nel 2006, il gruppo ISAR aveva riportato i risultati dello studio ISAR-REACT-2, che comprendeva pazienti NSTEMI sottoposti a PCI. In quello studio, l'Abciximab più eparina non frazionata erano stati associati ad una significativa riduzione degli eventi ischemici rispetto all'eparina non frazionata nei pazienti con elevata troponina, un marcatore di infarto cardiaco.

Il Dott. Kastrati ha dichiarato: "Sulla base dei risultati ISAR-REACT-4, una strategia a base di Bivalirudin dovrebbe essere lo standard di cura per questi pazienti ad alto rischio."

Efthymios Deliargyris, MD, Global Medical Director della Medicines Company, ha commentato: "Il gruppo ISAR ha una storia di test indipendenti che hanno guidato i cambiamenti nelle linee guida e nelle pratiche in Europa e nel mondo. Ci aspettiamo che i risultati di questo vasto studio sui pazienti sottoposti a PCI con evidenza di infarto in evoluzione lascerà ancora una volta il segno sul trattamento farmacologico di questi pazienti."

Informazioni su Angiomax(R) (Bivalirudin) per iniezione
Angiomax è un inibitore diretto della trombina con meccanismo d’azione reversibile naturalmente e un’emivita di 25 minuti.

Negli Stati Uniti, Angiomax con GPI provvisorio è indicato nei pazienti sottoposti ad angioplastica, detta anche PCI, e nei pazienti con o a rischio di trombocitopenia indotta da eparina e sindrome di trombosi (HIT / HITTS) sottoposti a PCI. Inoltre, Angiomax è indicato per l'uso come anticoagulante in pazienti con UA sottoposti ad angioplastica coronarica percutanea transluminale (PTCA). Angiomax va assunto con aspirina. Angiomax non è approvato per l'uso in pazienti ACS non sottoposti a PCI o PTCA. Gli eventi avversi più comuni per Angiomax negli studi clinici di confronto tra Angiomax ed eparina sono stati mal di schiena, dolori, nausea, mal di testa e ipotensione. Nel corso di tali sperimentazioni cliniche, l’incidenza di queste reazioni avverse era comparabile in entrambi i gruppi: Angiomax ed eparina. Un inspiegabile calo della pressione sanguigna o dell'ematocrito, o qualsiasi sintomo inspiegabile, dovrebbe far prendere seriamente in considerazione un evento emorragico e far cessare la somministrazione di Angiomax. Angiomax è controindicato in pazienti affetti da emorragie primarie attive o da ipersensibilità verso Angiomax o i suoi componenti. Si prega di consultare le informazioni complete sulla sua prescrizione disponibili all'indirizzo http://www.angiomax.com.

Informazioni su Angiox(R)
In Europa, Angiox è attualmente indicato come anticoagulante per pazienti adulti sottoposti a PCI, inclusi i pazienti con infarto STEMI sottoposti a PCI primario. Angiox è anche indicato per il trattamento di pazienti adulti con angina instabile/infarto miocardico senza sopraslivellamento destinato a un intervento urgente o precoce. Si prega di consultare le informazioni complete sulla sua prescrizione disponibili all'indirizzo http://www.angiox.com.

Informazioni sulla Medicines Company
La Medicines Company (NASDAQ: MDCO) fornisce soluzioni mediche per migliorare la salute dei pazienti in terapia acuta e intensiva negli ospedali di tutto il mondo. Queste soluzioni comprendono farmaci e conoscenze che hanno un impatto diretto sulla sopravvivenza e il benessere dei pazienti in stato critico.

Le dichiarazioni contenute in questo comunicato stampa sulla Medicines Company che non sono puramente storiche, e tutte le altre affermazioni che non sono puramente storiche, possono essere considerate dichiarazioni in prospettiva futura ai sensi delle direttive Safe Harbor del Private Securities Litigation Reform Act del 1995. Senza limitare quanto sopra, le parole "crede", "anticipa", "pianifica" e "prevede" ed espressioni analoghe hanno lo scopo di identificare le dichiarazioni in prospettiva futura. Queste dichiarazioni in prospettiva futura implicano rischi noti e sconosciuti e incertezze che potrebbero rendere i risultati effettivi della Società, i livelli di attività, le prestazioni o i conseguimenti sostanzialmente diversi da quelli espressi o impliciti in tali dichiarazioni in prospettiva futura. Fattori importanti che possono causare o contribuire a tali differenze includono l'eventualità che medici, pazienti e altri legislatori chiave accettino i risultati degli studi clinici come i risultati sopra descritti, l'eventualità che i prodotti della Società avanzeranno nel processo di sperimentazione clinica in maniera puntuale o no, l'eventualità che i risultati degli studi clinici garantiranno la presentazione delle domande di approvazione regolamentare, anche per le popolazioni di pazienti aggiuntivi, l'eventualità che la Società sarà in grado di ottenere approvazioni normative, e simili altri fattori indicati nei fattori di rischio specificati di volta in volta nelle relazioni periodiche della Società e nelle dichiarazioni formali depositate presso la Securities and Exchange Commission, tra cui, senza limitazione, i fattori di rischio dettagliati nel Rapporto trimestrale della Società nel Modulo 10-Q depositato il 9 novembre 2011, che sono incorporati per riferimento nel presente documento. La Società declina ogni obbligo di aggiornare queste dichiarazioni in prospettiva futura.

Contact Information